“Il tetto al contante non frena l’evasione. E porterà al crollo del Made in Italy”

Dal 1° luglio il limite del pagamento in contanti è sceso a 2.000 euro. Soglia che sarà ulteriormente abbassata a 1.000 euro nel 2022. «Sembrerebbe un favore alle banche, ma più che altro è uno strumento di controllo», dice l’avvocato e commercialista Ranieri Razzante, professore di legislazione antiriciclaggio all’Università di Bologna e noto esperto di criminalità organizzata e terrorismo. Non sembra che il tetto ai contanti abbia portato i risultati apprezzabili nella lotta all’evasione e al riciclaggio. «Possiamo anche essere d’accordo nel limitare a 2mila euro le transazioni in contanti, ma non dicano che serva a contrastare le mafie e … Continua a leggere “Il tetto al contante non frena l’evasione. E porterà al crollo del Made in Italy”