Nuova ordinanza comune in Veneto, Emilia e Friuli: negozi chiusi la domenica, sport solo in periferia, niente passeggiate nei centri storici

FEDRIGA – BONACCINI – ZAIA

🔴 NUOVA ORDINANZA IN EMILIA-ROMAGNA! (Vale da questo sabato)
🏬 TUTTI i negozi chiusi la domenica, tranne quelli essenziali come supermercati e farmacie.
🏦 I Centri Commerciali, Parchi Commerciali e grandi strutture di vendita (IKEA, Brico ecc) chiusi sabato e domenica.
🏫 A scuola vietate le lezioni di ginnastica, di canto e di strumenti musicali come il flauto.
🏃‍♀️ STOP alle corse sul lungomare e nei centri cittadini. 😷 La mascherina va portata SEMPRE, appena usciti di casa. Uniche eccezioni bimbi sotto i 6 anni e disabili. 
⚽ L’attività sportiva può essere fatta solo nelle aree verdi e periferiche, non in centro storico o in aree affollate. 
🍝 Si potranno consumare alimenti e bevande solo seduti ai tavolini, anche dalle 15 alle 18. 👨 NON più di UNA persona alla volta per nucleo familiare dentro i negozi. 
🏡 Rimangono aperti i negozi di vicinato fino al sabato. La domenica chiudono anche quelli. 
💊 Rimangono sempre aperti supermercati (per la vendita di alimentari), farmacie, edicole e tabaccai.

Prevista anche la serrata dei centri commerciali nei prefestivi, lo stop ai mercati e l’obbligo di consumare cibi e bevande solo seduti al tavolo dalle 15 alle 18. Le misure saranno in vigore da sabato 14 novembre al 3 dicembre. C’è l’intesa con il governo: il ministero della Salute ha appoggiato i provvedimenti varati dai tre governatori.

Negozi chiusi la domenica, serrata dei centri commerciali anche nei prefestivi, niente più passeggiate nei centri storici e attività sportive consentite solo in periferia: VenetoFriuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna si muovono in simultanea per limitare ulteriormente la corsa del virus ed evitare di scivolare in zona arancione o rossa. Come anticipato nei giorni scorsi, i governatori Zaia, Fedriga e Bonaccini hanno firmato una nuova ordinanza comune in vigore a partire da sabato 14 novembre. Che ha incassato anche l’appoggio dell’esecutivo: il ministro della Salute Roberto Speranza, durante il vertice con i capi-delegazione a Palazzo Chigi, ha proposto di appoggiare “formalmente” i tre provvedimenti. “Non è un atto d’imperio ma è anche un po’ un fallimento“, ha esordito il presidente del Veneto. Con la nuova stretta “si cerca di intercettare gli irriducibili. È un fallimento sociale perché il buonsenso non è per tutti”. L’obiettivo, ha aggiunto Fedriga, non è quello di “dare multe, ma regole condivise” per “far diminuire i contagi“. Bonaccini chiede quindi “unità e condivisione, recuperando lo spirito comune che aveva caratterizzato la prima fase dell’emergenza sanitaria”.

Negozi, centri commerciali e outlet – La novità principale delle tre ordinanze anti-assembramento riguarda la chiusura di tutti i negozi la domenica, a eccezione di farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabaccherie ed edicole. Un modo per evitare che si ripetano scene come quelle dello scorso weekend, con i centri storici delle città affollati di persone intente a fare shopping. Disposta anche la serrata nei prefestivi e festivi delle medie e grandi aree di vendita, compresi tutti i centri commerciali e gli outlet. Nei negozi e in qualsiasi esercizio di vendita potrà entrare un solo componente per nucleo familiare, fatta salva la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di 14 anni. Si raccomanda inoltre di “garantire l’accesso agli esercizi commerciali nelle prime due ore del giorno agli anziani”. “Non è che un over 65 non può andare a fare acquisti in orari diversi- ha puntualizzato Fedriga – ma cerchiamo di garantire delle fasce protette“.

Mercati settimanali – Un’ulteriore restrizione rispetto alle regole fissate dal dpcm nazionale per le Regioni gialle è la chiusura dei mercati settimanali all’aperto. Non saranno consentiti né in aree pubbliche, né private. L’unica eccezione riguarda i Comuni in cui i sindaci abbiano consegnato ai commercianti un piano dettagliato contenente le seguenti misure minime: perimetrazione esterna, varchi di accesso e uscita separati, sorveglianza e controllo per il rispetto delle distanze.

Vertice di governo, venerdì la decisione sulla stretta in altre Regioni. Conte: “Siamo lo Stato, a Napoli serve un segnale”. In arrivo l’esercito

Vertice di governo, venerdì la decisione sulla stretta in altre Regioni. Conte: “Siamo lo Stato, a Napoli serve un segnale”. In arrivo l’esercito

Bar e ristoranti – I locali restano aperti fino alle 18 – dal momento che Veneto, Emilia e Friuli sono ancora in zona gialla – ma dalle 15 alle 18 la somministrazione e consumazione potrà avvenire solo da seduti, sia all’interno che nei tavoli all’aperto. Resta sempre vietata la consumazione in aree pubbliche, compresi i parchi, mentre la vendita con consegna a domicilio è “fortemente raccomandata“.

Attività sportiva e passeggiate – L’attività sportiva, così come quella motoria (cioè camminate e passeggiate), dovrà avvenire preferibilmente nelle aree verdi e periferiche, e comunque non si potrà fare nei centri storici delle città e nelle aree affollate, ad esempio le vie e le piazze centrali o i lungomare, rimanendo sempre distanziati. Le ordinanze rimandano comunque ai sindaci la possibilità di fissare ulteriori specifiche limitazioni. Chi fa sport dovrà sempre mantenere la distanza di sicurezza di almeno due metri all’aperto.

Ginnastica e musica a scuola – Novità in vista anche per i bambini di elementari e medie a cui è ancora consentita la didattica in presenza. Per limitare ulteriormente le occasioni di contagio a scuola, le lezioni di ginnastica, di canto e con strumenti a fiato sono sospese. La misura è stata inserita prudenzialmente da Zaia, Bonaccini e Fedriga in attesa di ulteriori indicazioni dal Comitato tecnico scientifico nazionale.