Zelensky, uomo coraggioso che merita rispetto 🇺🇦

Non ha abbandonato la sua Ucraina🇺🇦💓

Volodymyr Oleksandrovyč Zelens’kyj, ufficialmente Zelenskyy (in ucraino: Володимир Олександрович Зеленський?Kryvyj Rih25 gennaio1978), è un politicoattoresceneggiatoreregista e comico ucraino, dal 20 maggio 2019 Presidente dell’Ucraina

Nel 2013-14 Zelenskyy si avvicinò al movimento filo-europeista Euromaidan. Durante la Guerra del Donbass ha aiutato l’esercito ucraino contribuendo a fondare un battaglione di volontari combattenti.[22] In un’intervista del 2014 sulla Komsomolskaya Pravda ucraina, Zelenskyy ha detto che gli sarebbe piaciuto fare una visita in Crimea, ma che lo eviterebbe perché “ci sono persone armate”. Nell’agosto 2014, Zelenskyy si è esibito per le truppe ucraine a Mariupol e in seguito il suo studio ha donato una importante somma all’esercito ucraino.[23]

Durante la sua campagna presidenziale, Zelenskyy ha affermato di sostenere l’adesione dell’Ucraina all’Unione europea e alla NATO, ma ha affermato che gli elettori ucraini dovrebbero decidere in merito all’adesione del paese a queste due organizzazioni nei referendum. Allo stesso tempo, credeva che il popolo ucraino avesse già scelto l'”eurointegrazione”. Lo stretto consigliere di Zelenskyy, Ivan Bakanov, ha anche affermato che la politica di Zelenskyy è favorevole all’adesione sia all’UE che alla NATO e propone di tenere referendum sull’adesione.[24]

Il programma elettorale di Zelenskyy affermava che l’adesione dell’Ucraina alla NATO è “la scelta del Maidan e il corso sancito dalla Costituzione, inoltre, è uno strumento per rafforzare la nostra capacità di difesa”.[25] Il programma afferma che l’Ucraina dovrebbe fissare l’obiettivo di presentare domanda per un piano d’azione per l’adesione alla NATO nel 2024. Il programma afferma inoltre che Zelenskyy “farà di tutto per garantire” che l’Ucraina possa presentare domanda di adesione all’Unione europea nel 2024.[26]

Due giorni prima del secondo turno, Zelenskyy ha dichiarato di voler costruire “un’Ucraina forte, potente e libera, che non è la sorella minore della Russia, che non è un partner corrotto dell’Europa, ma la nostra Ucraina indipendente”.

Zelenskyy ha promesso che il suo primo disegno di legge, “On People’s Power”, fornirà un meccanismo per i referendum.[27]

Questa promessa non è stata mantenuta, poiché il suo primo disegno di legge presentato era una legge sugli appalti pubblici delle elezioni. Ha anche promesso progetti di legge per combattere la corruzione, inclusa la rimozione dell’immunità al presidente del paese, ai membri della Verkhovna Rada (il parlamento ucraino) e ai giudici, una legge sull’impeachment, la riforma delle leggi elettorali e un processo efficiente con giuria. Ha promesso di portare lo stipendio del personale militare “al livello degli standard Nato”.[28]

Zelenskyy ha dichiarato che come presidente avrebbe sviluppato l’economia e attratto investimenti in Ucraina attraverso “un riavvio del sistema giudiziario” e ripristinando la fiducia nello Stato. Propone inoltre un condono fiscale e una flat tax del 5 per cento per le grandi imprese che potrebbero essere aumentate «in dialogo con loro e se tutti sono d’accordo». Secondo Zelenskyy, se le persone si accorgessero che il suo nuovo governo “funziona onestamente dal primo giorno”, inizierebbero a pagare le tasse.[29]

Riguardo all’annessione russa della Crimea nel 2014, Zelenskyy ha affermato che, parlando realisticamente, sarebbe possibile riportare la Crimea sotto il controllo ucraino solo dopo un cambio di regime in Russia.[30]

Zelenskyy sostiene la distribuzione gratuita di cannabis medica, l’aborto gratuito in Ucraina e la legalizzazione della prostituzione e del gioco d’azzardo. Si oppone alla legalizzazione delle armi.[31]

Zelenskyy si è espresso contro il prendere di mira la lingua russa in Ucraina e il divieto di artisti per le loro opinioni politiche (come quelle considerate dal governo ucraino come anti-ucraine).[32] Nell’aprile 2019 ha dichiarato di non essere contrario a una quota di lingua ucraina (alla radio e alla TV) e che agli artisti russi “che si sono trasformati in politici (anti-ucraini)” ai quali dovrebbe essere vietato l’ingresso in Ucraina. Contemporaneamente ha lanciato lo slogan sulle quote in lingua ucraina: “puoi cambiarli un po’”.[33]

Zelenskyy ha dichiarato nell’aprile 2019 che “ovviamente” sostiene la decomunizzazione dell’Ucraina, ma non è soddisfatto della sua forma attuale. In un’intervista con RBC-Ucraina nell’aprile 2019, Zelenskyy ha affermato che il leader dell’OUN-B Stepan Bandera, una figura controversa nella storia ucraina, era “un eroe per una certa parte degli ucraini, e questa è una cosa normale e interessante. Era uno di quelli che hanno difeso la libertà dell’Ucraina. Ma penso che quando chiamiamo così tante strade, ponti con lo stesso nome, questo non è del tutto giusto.” Nella stessa intervista, Zelenskyy ha continuato a criticare l’abuso di tributi a Taras Hryhorovyč Ševčenko, un famoso poeta e pittore ucraino: “Dobbiamo ricordare gli eroi di oggi, eroi delle arti, eroi della letteratura, semplicemente eroi dell’Ucraina. Perché non usiamo i loro nomi, i nomi degli eroi che oggi uniscono l’Ucraina?”[34]

In risposta a suggerimenti contrari, nell’aprile 2019 ha dichiarato di considerare il presidente russo Vladimir Putin “come un nemico”. Il 2 maggio 2019 Zelenskyy ha scritto su Facebook che “il confine è l’unica cosa che Russia e Ucraina hanno in comune”.[35]

Nell’ottobre 2020 ha parlato a sostegno dell’Azerbaigian per quanto riguarda la guerra del Nagorno-Karabakh tra l’Azerbaigian e gli armeni di etnia armena sulla regione contesa del Nagorno-Karabakh. Zelenskyy ha affermato: “Sosteniamo l’integrità territoriale e la sovranità dell’Azerbaigian proprio come l’Azerbaigian sostiene sempre la nostra integrità e sovranità territoriale”.[36]

Nel giugno 2021, Zelenskyy ha presentato alla Verkhovna Rada un disegno di legge “Sulla prevenzione delle minacce alla sicurezza nazionale legate all’eccessiva influenza di persone di significativa importanza economica o politica nella vita pubblica (oligarchi)”. Lo scopo della legge, secondo il presidente, è combattere contro le persone che hanno una ricchezza significativa e un’influenza significativa nella società e nella politica (gli oligarchi). Una persona è identificata come oligarca se soddisfa 3 dei 4 criteri, e quindi deve essere iscritta in un apposito registro.

Nell’agosto 2021, Zelenskyy ha avvertito che il gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania era “un’arma pericolosa, non solo per l’Ucraina ma per l’intera Europa”.