Gas, presidenza Ue: accordo sul price cap a 180 euro. Scatterà il 15 febbraio

Trovata l’intesa dopo mesi di difficili negoziati e nonostante il voto contrario dell’Ungheria e l’astensione di Olanda e Austria.

I ministri dell’Energia dei Paesi dell’Unione Europea hanno concordato un tetto massimo per il prezzo del gas: lo ha annunciato su Twitter un portavoce della Repubblica Ceca, che detiene la presidenza di turno dell’Unione.

L’Ungheria ha votato contro l’intesa mentre Olanda e Austria si sono astenuti. È però stata raggiunta la maggioranza qualificata necessaria all’approvazione. La Germania, che aveva espresso i suoi timori nelle scorse settimane, alla fine ha invece votato a favore.

Fonti europee hanno indicato che i ministri dell’Energia hanno fissato un “price cap” per il gas a quota 180 euro/Mwh, ben più basso dei 275 euro proposti a novembre dalla Commissione europea.

Secondo il documento visionato dall’agenzia Reuters il tetto potrà scattare dal 15 febbraio prossimo e non si applicherà alle transazioni over-th-counter.

A quanto si apprende da fonti europee il differenziale del prezzo al Ttf con gli indici di riferimento globali viene fissato, come previsto nell’ultima proposta della presidenza ceca, a 35 euro. I giorni necessari – in cui il prezzo deve superare i 180 euro a megawattora – perché scatti il meccanismo di

L’accordo fa seguito a settimane di colloqui sulla misura di emergenza che ha diviso i governi europei.

“E’ la vittoria dei cittadini italiani ed europei che chiedono sicurezza energetica. E’ la vittoria dell’Italia che ha creduto e lavorato per raggiungere questo accordo”. Questo il commento del ministro di ambiente e sicurezza energetica Gilberto Pichetto.

ad maiora . . . .

GC